Opzioni terapeutiche per curare i linfomi

Comment

Altri articoli
Pubblicità

Opzioni terapeutiche per curare i linfomi

Le recenti opzioni terapeutiche per curare i linfomi hanno permesso di ottenere dei risultati terapeutici molto incoraggianti, in associazione a degli esiti positivi per quanto riguarda la prognosi e la possibilità di guarigione dei malati. Dal punto di vista della patogenesi, i linfomi hanno origine da una degenerazione maligna del tessuto linfatico, presente in tutto il corpo, con localizzazione principale a livello delle ghiandole linfatiche superficiali e profonde. Nel corso degli anni i malati sono stati trattati dapprima con le sedute di polichemioterapia, successivamente l’approccio terapeutico più efficace è stato riscontrato da una terapia più completa caratterizzata dall’associazione con la radioterapia che ha migliorato le possibilità di guarigione negli stadi iniziali. Grazie poi allo sviluppo degli anticorpi monoclonali i cosiddetti farmaci mirati su cellule tipiche dei linfomi (le CD20+) i pazienti hanno potuto beneficiare di ulteriori esiti positivi, in particolare i miglioramenti nei risultati sui linfomi si sono registrati impostando un trattamento a base di anticorpi monoclonali in abbinamento a cicli di chemioterapia citostatica. Per maggiori informazioni si rimanda alla lettura dell’articolo https://filinf.it/linfomi/terapie/.

Sperimentazione di nuove molecole

Opzioni terapeutiche per curare i linfomi

Opzioni terapeutiche per curare i linfomi

I recenti scenari terapeutici per la cura dei linfomi sono stati caratterizzati dalla sperimentazione di nuove molecole che agiscono selettivamente su tappe metaboliche tipiche delle cellule linfomatose oppure che siano in grado di stimolare il sistema immunitario per respingere efficacemente a tale aggressione. Si tratta di una serie di nuove molecole che non sono classificate come citostatici dal momento che la loro azione non è diretta genericamente su tutte le cellule dell’organismo che si stanno replicando, ma in modo selettivo. Queste molecole che agiscono selettivamente su tappe metaboliche delle cellule linfomatose sono in grado di bloccare solo delle precise tappe metaboliche su cui si basa la prerogativa che le cellule tumorali hanno rispetto alle cellule non malate. I nuovi farmaci con azione selettiva per curare i linfomi vanno ad inibire funzioni vitali pertinenti delle cellule linfomatose, più precisamente ogni farmaco si sostiene un approccio terapeutico nuovo di precisione capace di agire nei confronti di specifici sottotipi di linfoma e troverà indicazione da solo oppure in associazione alla terapia più tradizionale in situazioni standard.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.