Categoria articoli: Neutrofili bassi

Neutropenia suscettibilità ad infezioni

Pubblicità Neutropenia suscettibilità ad infezioni I soggetti colpiti da una rilevante e persistente condizione di neutropenia risentono di una maggiore suscettibilità ad infezioni, soprattutto a quelle di natura batterica rispetto a quelle virali. Per monitorare il deficit si prendono in considerazione dei precisi range:  sotto i 1.500 neutrofili per millimetro cubo nel sangue si hanno i […]
Continua..

Pubblicità

Influenza dell’invecchiamento sul sistema immunitario: immunosenescenza

Influenza dell’invecchiamento sul sistema immunitario: immunosenescenza Nel corso della vita si registra una rilevante influenza dell’invecchiamento sul sistema immunitario, ed infatti nei soggetti anziani le naturali difese perdono efficacia, e sono più inclini a sviluppare delle patologie autoimmuni. Con il passare dei decenni, il sistema immunitario è meno capace di distinguere tra self e non-self […]
Continua..

Pubblicità


Pubblicità

Neutropenia febbrile infezione

Neutropenia febbrile infezione Nel corso di qualsiasi tipo di ridotta conta dei granulociti neutrofili può evidenziarsi una condizione di neutropenia febbrile che segnala la presenza di un’infezione in corso. La comparsa di febbre in un paziente con neutropenia tende a colpire i soggetti che sono sottoposti a somministrazione di trattamenti mielotossici che risultano essere tossici […]
Continua..

Pubblicità

Infiltrazione del midollo osseo tumori

Infiltrazione del midollo osseo riduzione dei neutrofili L’infiltrazione del midollo osseo a causa dei quadri patologici di leucemia, mieloma, linfoma, tumori solidi metastatici può causare una riduzione dei neutrofili, tra le altre neoplasie che possono determinare un calo dei globuli bianchi va segnalata la mielofibrosi indotta da tumori che tende ad aggravare la neutropenia. In […]
Continua..

Pubblicità

Malattie ematiche neutropenie

Malattie ematiche neutropenie Un’alterazione di numero e di funzione dei granulociti polimorfonucleati a cui spetta la prima linea di difesa dell’organismo nei confronti degli agenti estranei può scatenare lo sviluppo di alcune malattie ematiche definite neutropenie che possono avere una base ereditaria. La diminuzione del numero dei neutrofili a livello ematico può dunque determinare una […]
Continua..

Pubblicità

Recettore del G-CSF neutropenia congenita

Recettore del G-CSF neutropenia congenita La scoperta del ruolo svolto dal recettore del G-CSF, che si trova sui granulociti, ha permesso di ottenere informazioni non solo sulla struttura dei globuli bianchi ma anche per migliorare la condizione di neutropenia. Questo recettore ha la capacità di legarsi alla citochina G-CSF e trasmette alla cellula segnali per […]
Continua..

Pubblicità

Sindrome WHIM come si manifesta

Sindrome WHIM come si manifesta Il quadro clinico della sindrome WHIM si caratterizza per un deficit di neutrofili, i quali non riescono ad uscire dal midollo osseo dopo la loro produzone, a questa anomalia si associano altre disfunzioni che coinvolgono i linfociti T ed i linfociti B che nel malato possono essere ridotti oppure funzionare non […]
Continua..

Pubblicità

Fattore stimolante le colonie granulocitarie-macrofagiche

Fattore stimolante le colonie granulocitarie-macrofagiche Tra le proteine capaci di stimolare la crescita e la diversificazione cellulare è possibile segnalare diversi fattori di crescita della mielopoiesi che regolano la proliferazione e differenziazione dei progenitori mielopoietici tra cui il fattore stimolante le colonie granulocitarie-macrofagiche. L’impiego clinico di fattori di crescita della granulomonocitopoiesi (Granulocyte Macrophage Colony-Stimulating Factor […]
Continua..

Pubblicità

Neutropenie classificate in base all’eziopatogenesi

Neutropenie classificate in base all’eziopatogenesi In ambito diagnostico le diverse forme di neutropenie vengono classificate in base all’eziopatogenesi in due categorie distinte ossia in neutropenie da diminuita produzione a livello del tessuto emopoietico ed in neutropenie da aumentata distruzione periferica. Vengono classificate nel primo gruppo quelle condizioni caratterizzate da un deficit del numero dei precursori […]
Continua..

Pubblicità