• Pubblicità
  • Fibroblasti processo di flogosi

    Fibroblasti processo di flogosi Tra le cellule coinvolte nella risposta infiammatoria bisogna segnalare: i granulociti, i macrofagi, le cellule derivate, i linfociti, i mastociti, i fibroblasti; queste componenti si attivano attraverso due principali vie rappresentate dal sangue (granulociti, linfociti, monociti) e dallinterstizio (macrofagi, mastociti, fibroblasti). I fibroblasti sono cellule presenti nel derma umano, un tessuto connettivo costituito […]
    Continua..
  • Reazione leucoeritroblastica e mielofibrosi

    Reazione leucoeritroblastica e mielofibrosi La presenza nel sangue periferico di eritroblasti e di cellule immature della serie bianca determina il verificarsi di una condizione di reazione leucoeritroblastica, nota anche con i temini medici leucoeritroblastosi o screzio granuloeritroblastico. Il soggetto colpito da alterazioni a carico della architettura midollare, dovute ad infiltrazione midollare, presenta nel sangue periferico […]
    Continua..
  • Malattie ematiche neutropenie

    Malattie ematiche neutropenie Un’alterazione di numero e di funzione dei granulociti polimorfonucleati a cui spetta la prima linea di difesa dell’organismo nei confronti degli agenti estranei può scatenare lo sviluppo di alcune malattie ematiche definite neutropenie che possono avere una base ereditaria. La diminuzione del numero dei neutrofili a livello ematico può dunque determinare una […]
    Continua..
  • Fagosoma risultato della fagocitosi

    Fagosoma risultato della fagocitosi Il risultato della fagocitosi svolta dalle cellule del sistema immunitario porta alla formazione di un vacuolo intracitoplasmatico detto fagosoma che si costituisce quando una cellula eucariota ingloba materiale estraneo che è stato ingerito dalle cellule del sistema immunitario, nello specifico il materiale fagocitato viene successivamente digerito dagli enzimi lisosomiali liberati nella […]
    Continua..
  • Crioglobuline quali informazioni offrono

    Crioglobuline quali informazioni offrono In presenza di particolari condizioni patologiche possono rilevarsi le crioglobuline come segno clinico, si tratta di complessi anomali di proteine del sangue che perdono la solubilità nella fase liquida del sangue, a basse temperature e che si ridisciolgono quando la temperatura corporea si attesta sui valori 37°C. Vengono classificati tre gruppi […]
    Continua..
  • Discheratosi congenita quadro patologico

    Discheratosi congenita quadro patologico Tra le patologie che possono determinare una significativa forma di neutropenia bisogna segnalare la discheratosi congenita (o sindrome di Zinsser-Cole-Engman), una rara malattia multisistemica con base genetica, la cui eziologia è da rintracciare in un’anomalia a carico del gene DKC1, appartenente al cromosoma Xq28. Di questa patologia si conoscono divrse forme […]
    Continua..
  • Neutropenia familiare benigna di Gänsslen e neutropenia ciclica

    Neutropenia familiare benigna di Gänsslen e neutropenia ciclica Si classificano diverse forme di neutropenia benigna di carattere ereditario, tra cui la neutropenia familiare benigna di Gänsslen che si caratterizza per una riduzione della serie granulocitaria dopo lo stadio di mielocita, il soggetto viene poi colpito da un abbassamento delle difese immunitarie con esposizione frequente a […]
    Continua..
  • Recettore del G-CSF neutropenia congenita

    Recettore del G-CSF neutropenia congenita La scoperta del ruolo svolto dal recettore del G-CSF, che si trova sui granulociti, ha permesso di ottenere informazioni non solo sulla struttura dei globuli bianchi ma anche per migliorare la condizione di neutropenia. Questo recettore ha la capacità di legarsi alla citochina G-CSF e trasmette alla cellula segnali per […]
    Continua..
  • Sindrome WHIM come si manifesta

    Sindrome WHIM come si manifesta Il quadro clinico della sindrome WHIM si caratterizza per un deficit di neutrofili, i quali non riescono ad uscire dal midollo osseo dopo la loro produzone, a questa anomalia si associano altre disfunzioni che coinvolgono i linfociti T ed i linfociti B che nel malato possono essere ridotti oppure funzionare non […]
    Continua..