• Pubblicità
  • Neutropenia suscettibilità ad infezioni

    Pubblicità Neutropenia suscettibilità ad infezioni I soggetti colpiti da una rilevante e persistente condizione di neutropenia risentono di una maggiore suscettibilità ad infezioni, soprattutto a quelle di natura batterica rispetto a quelle virali. Per monitorare il deficit si prendono in considerazione dei precisi range:  sotto i 1.500 neutrofili per millimetro cubo nel sangue si hanno i […]
    Continua..
  • Neutropenia congenita grave mutazione genetiche

    Neutropenia congenita grave mutazione genetiche Anche se una percentuale non bassa dei casi di neutropenia congenita grave non è associato ad un difetto genetico, in altri casi è possibile evidenziare come responsabili della malattia delle specifiche mutazione genetiche. Il quadro clinico della neutropenia congenita grave può essere associato a delle mutazione delle geni ELANE (SCN1) […]
    Continua..
  • Mieloperossidasi: quali funzioni svolge

    Mieloperossidasi: quali funzioni svolge Un enzima della classe delle ossido-reduttasi, prodotto dai leucociti, come la mieloperossidasi (MPO) è in grado di generare specie reattive dell’ossigeno per distruggere sostanze estranee, quindi permette di detossificare le cellule da specie reattive dell’ossigeno. Più precisamente questo enzima è presente nei leucociti polimorfonucleati (neutrofili e monociti) con lo scopo di […]
    Continua..
  • Poliangite microscopica quadro patologico

    Poliangite microscopica quadro patologico Una malattia autoimmune associata ad ANCA (autoanticorpi citoplasmatici antineutrofili), come la poliangite microscopica (MPA) è una forma di vasculite sistemica necrotizzante infiammatoria che colpisce i piccoli vasi in diversi organi. Alcuni tipi di vasculite risultano essere strettamente legati con la produzione di ANCA, e più precisamente la presenza degli ANCA costituisce […]
    Continua..
  • Immunoistochimica in cosa consiste

    Immunoistochimica in cosa consiste Un metodo utile e specifico che consente di rilevare la presenza di determinati antigeni insiti nel tessuto o nelle cellule da esaminare viene offerto dall’immunoistochimica. Questo tipo di rilevazione si esegue su una sezione di tessuto o su cellule precedentemente preparate, dove si mette a contatto uno specifico anticorpo in relazione […]
    Continua..
  • Il quadro patologico del mieloma multiplo

    Il quadro patologico del mieloma multiplo Una neoplasia provocata dalla proliferazione di un clone neoplastico come il mieloma multiplo (MM), noto anche con il nome malattia di Kahler-Bozzolo) è un tumore che colpisce le plasmacellule, ossia delle cellule importanti per il sistema immunitario. Le plasmacellulare sono delle cellule appartenenti al sistema immunitario, presenti soprattutto nel […]
    Continua..
  • Immunoterapia cellulare per trattare la leucemia linfoide

    Immunoterapia cellulare per trattare la leucemia linfoide Per il trattamento di pazienti colpiti da leucemia acuta avanzata è stata sperimentata una valida opzione terapeutica: l’immunoterapia cellulare che ha ottenuto dei risultati più efficaci rispetto alle terapie convenzionali (chemioterapia tradizionale). I ricercatori del Memorial Sloan Kettering hanno cercato un modo per riprogrammare le cellule del sistema […]
    Continua..
  • Selectine: quale compito svolgono

    Selectine: quale compito svolgono La classe delle molecole di adesione di tipo immunoglobulinico (IgSF CAMs) include il gruppo delle selectine che sono presenti principalmente sui leucociti, in particolare tale famiglia di proteine di adesione si individua nel corso processo di flogosi. Le selectine legano carboidrati fucosilati e sono costituite da un piccolo dominio citoplasmatico, un […]
    Continua..
  • Molecole di adesione intercellulare

    Molecole di adesione intercellulare Tra le funzioni principali da ascrivere alle molecole di adesione intercellulare vi è quella indirizzata nei confronti dei linfociti che in questo modo sono in grado di migrare nei tessuti e negli organi linfatici secondari. Inoltre questa tipologia di proteine di membrana consentono ai leucociti di attivarsi per dirigersi nella sede […]
    Continua..
  • Neutrofili nella genesi dell’Alzheimer

    Neutrofili nella genesi dell’Alzheimer Uno studio svolto da un gruppo di ricercatori dell’Università di Verona, pubblicato su Nature Medicine, ha permesso di rilevare il ruolo dei neutrofili nella genesi dell’Alzheimer, e nel declino cognitivo associato alla condizione patologica. I neutrofili risulterebbero implicati nel processo di attivazione della patologia in modelli sperimentali di Alzheimer come emerso […]
    Continua..